Ventunomaggioduemiladiciassette…

ventunomaggioduemiladiciassette.

Per noi è stata “la Data”, il giorno nel quale una proposta accettata la notte di capodanno è diventata il nostro wedding day.

La sensazione di essere a casa, la giornata calda al limite dell’estate inoltrata, l’emozione di vivere il nostro momento con le persone più vicine, la gioia di viverlo con i nostri figli, tutti e tre coinvolti nello svolgimento della giornata. Si, Il nostro matrimonio è stato per noi meglio di come lo avevamo immaginato.

Il merito è del sole che ha incorniciato il fine settimana, dell’affetto che ci ha circondato, del luogo magico che ha sprigionato come un talismano tutta la sua energia e dei professionisti/ amici che in questa giornata hanno dato il meglio di loro. Tutti.

Mi piace ricordare l’atmosfera di tranquilla euforia che ha accompagnato la giornata fin dal risveglio con la colazione velocissima perché bisognava andare in comune a firmare le carte ufficiali. Solo noi due, i testimoni e il fotografo.

E’ la sindaco di Occimiano, Valeria, che ci accoglie per leggere gli articoli che ci faranno essere marito e moglie, che però aggiunge un passo cercato apposta per noi che non so di cosa parli perché in quel momento siamo davvero solo noi due. Fissi negli occhi l’uno dell’altra, scherziamo e ridiamo e ci facciamo le smorfie come se l’avessimo combinata grossa.

E poi via di corsa si torna alla location che bisogna vestirsi, truccarsi con Rosanna, aspettare il momento giusto, quando tutti sono seduti, anche gli ultimi irriducibili, che sono lontanissimi e girati di spalle e non sentono mentre li chiami. Perché è una giornata stupenda e ci si perde ad ammirarla. Adesso non siamo più solo noi due ma ognuno di noi ha un accompagnatore personale che si sente importante perché al di la del vestito della festa, che lo fa sentir un poco modello, sono protagonisti delle nostre vite tutti i giorni e quando parliamo del “nostro” giorno loro sono parte di quel “nostro”.

All’altare i due testimoni, Valeria e il bosco di ciliegi a fare da cornice. Un figlio, un migliore amico e una sindaco che ha bissato una cerimonia perché eravamo noi, insieme alle persone che per noi sono importanti. Poi lo sposo con la sua emozionatissima damigella, gli archi che intonano le note delle canzoni che abbiamo scelto insieme per ogni momento della cerimonia.

E infine la sposa con il paggetto che è riuscito a rompere la tensione e l’emozione con una fuga alla “se scappi ti sposo”. La meraviglia delle lacrime di gioia miste al sorriso per l’imponderabile spontaneità di un bambino.

E poi di nuovo noi due, che ci baciamo commossi a fine cerimonia dopo lo scambio degli anelli, mentre gli amici rumoreggiano e i bimbi ridacchiano. Che facciamo le foto sommersi dagli abbracci e dai baci di tutti. Che insieme a Aldo, il nostro amico e fotografo, ci allontaniamo per fare qualche foto nella quale ci siamo solo noi due, le colline e il cielo incredibile di quel giorno.

E poi l’aperitivo e il pranzo e le risate, i bimbi in piscina che si tuffano, gli adulti che ridono e scherzano e noi due che ci guardiamo negli occhi e commentiamo quanto ci sia piaciuto fino a quel momento il nostro giorno. I dolci a cucchiaio e il taglio della torta di Francesca, i biscottini segnaposto e le bomboniere e il bagno fuoriprogramma della sposa.

Poi rimaniamo soli noi due a fine giornata, stravolti ma felici e ricordiamo ogni singolo momento della giornata un milione di volte, ogni emozione sottolineata da uno sguardo, da una carezza, da un bacio.

Solo noi due.

E’ passato un anno e ripensando a tutto vogliamo ringraziare singolarmente chi ha fatto sì che il nostro matrimonio fosse un’insieme di elegante e ricercata semplicità:

GALLERY

“La Commedia della Pentola” a Lu Monferrato + Raffaella Ferrari

Qui Mauro e Raffaella hanno creato quello che cercavamo e lo curano come meglio non si potrebbe: una location  che ospita il ristorante invernale e tre camere da boutique hotel curate nei minimi particolari. All’esterno la cucina estiva si apre sul pergolato che ospita i tavoli tutti differenti per allestimento, per tovagliato per piatti e bicchieri spaiati ma assolutamente in tono gli uni con gli altri che creano un insieme armonico e sorprendente.

E’ ciò che riesce meglio a Raffaella Ferrari, allestitrice artistica ed eclettica, realizza a mano ogni particolare, dalle partecipazioni ai centrotavola, dalle bomboniere ai quadretti pensati per sottolineare i differenti momenti della cerimonia. Un vero vulcano di idee e di saper fare.

Mauro sviluppa la sua creatività e il suo talento nel ristorante e nel servizio, impeccabile, ricercando la finezza attraverso i prodotti del territorio e presentando i piatti con eleganza e estro. Mauro vive qui da sempre e tiene al suo territorio, lo esalta attraverso la sua competenza e con rilassata sicurezza è in grado di consigliare il meglio, come  le isole degli antipasti che sono l’esempio di come un pranzo di nozze possa essere rilassante e coinvolgente allo stesso tempo.

Agripasticceria “DolceMente ConTorta” di Pavone Canavese

Francesca è il braccio armato e creativo delle torte, pronta a ospitarti nella sua cascina laboratorio, tutti gli ingredienti utilizzati sono prodotti nell’azienda agricola del marito Roberto e amalgamati in un insieme che esalta ogni singolo sapore. Sempre pronta a buttarsi in nuove sfide per noi ha realizzato dei biscotti decorati che oltre ad essere veramente buonissimi hanno caratterizzato il nostro tavolo come segnaposto.

Aldo Giarelli

Il nostro fotografo è differente. Perché è un nostro amico carissimo, perché è un professionista preparatissimo e perché ha colto appieno l’atmosfera che ci ha coinvolto durante tutta la giornata. Aldo ha colto i momenti, i volti le emozioni e li ha trasformati in luce e con quella ha illuminato la nostra giornata.

Rosanna Curci

Rosanna è una nostra amica carissima, una hairstylist & make up artist di livello superiore. Con la competenza che le deriva dall’aver lavorato per il cinema e la TV è la nostra MUA delle dive.

Giverso Gioielli

Luca e Marco Giverso sono gli eredi di una stirpe torinese di gioiellieri artigiani, sempre alla ricerca di nuove idee per disegnare e realizzare collezioni che lasciano a bocca aperta.

My Golden Age Lab

E’ l’artigiano orafo di Genova e del Genoa, responsabile dell’anello che ha accompagnato la proposta di matrimonio.

Random String Quartet

Anche se al 50%, hanno creato la colonna sonora unendo brani attuali al respiro della musica classica.

Sartoria dell’atelier

ultimi ma non in ordine di importanza i nostri sarti che hanno realizzato gli abiti per La nostra famiglia e che sono parte fondamentale del successo dell’atelier.

2018-05-24T15:06:14+00:00 24 maggio 2018|Blog|

Leave A Comment